Crash di Erika Sakurazawa

A cura di Giorgia-bi

Titolo: Crash
Autrice: SAKURAZAWA Erika
Categoria: Josei

:: Il manga in Giappone ::
Numero di volumi: 2 -concluso
Casa editrice: Shodensha
Rivista di serializzazione: Feel Young
Anno di pubblicazione: 1998

Storia
Kazuya Matsuki, professione modello: un giovane uomo scostante e superficiale, pronto a sacrificare gli impegni di lavoro per i propri capricci e malumori. Nonostante abbia tutte le carte per sfondare, Matsuki riesce a malapena a tenersi a galla in un ambiente spietatamente competitivo quale quello della moda a causa della poca serietà con cui si presenta (o non si presenta affatto) al lavoro.
Ai set fotografici preferisce le scorribande nei locali notturni, la sua sveglia sembra perennemente rotta e tra i colleghi è conosciuto per il suo menefreghismo e la sua inaffidabilità. La carriera del modello subisce una profonda sferzata grazie all’irruzione di due figure ugualmente destabilizzanti per il suo ego: la sensuale e assertiva manager Yoko Miyake, decisa a rimettere Matsuki sulla retta via per ragioni che forse esulano dalla professionalità, e il determinato Tatsuhiko Nakamura, un modello esordiente che possiede tutta la determinazione e l’aggressività che a lui sembrano mancare.
In un mondo dove “tutto dipende da quanto sei bravo a farti conoscere”, Matsuki e Tatsuhiko rappresentano due facce opposte ma complementari della stessa medaglia, due visi sotto gli occhi di tutti e allo stesso tempo due enigmi sotto cui si celano segreti e lati oscuri. Dallo scontro tra tre volontà così forti non possono che nascere problemi e fraintendimenti, ma tra i cocci delle certezze infrante qualcuno potrà trovare le basi per un nuovo inizio.

Considerazioni
Il mondo dello showbusiness e i suoi affascinanti abitanti hanno offerto ispirazione a numerose mangaka, ma l’affresco realizzato dalla Sakurazawa in Crash è infinitamente distante dalle disavventure di stelline in erba e stilisti emergenti a cui un certo tipo di titoli shoujo ci ha abituati. I protagonisti Matsuki e Nakamura sono apparentemente in linea con lo stereotipo del ‘bello e dannato’ che ci aspetteremmo in una serie che parla di moda e modelli, ma la loro bellezza e il loro carisma non vengono utilizzati come scorciatoia per attirare l’attenzione del lettore.
Trattandosi di un josei le dinamiche tra i personaggi contemplano anche la sfera sessuale, ma la sensualità messa in scena dall’autrice ha una connotazione opaca, quasi rassegnata. I due modelli sembrano gestire i rapporti fisici come se si limitassero a subire passivamente le logiche conseguenze della propria avvenenza, quasi incapaci di un coinvolgimento profondo per un corpo che non sia il proprio. L’individualismo di Matsuki e Nakamura è peraltro pienamente giustificato e incoraggiato dall’ambiente in cui si muovono, un mondo di lustrini e finzione alle basi del quale serpeggiano compromessi, meschinità e strategie di mercato: amore e amicizia sembrano essere impossibili, c’è spazio solo per l’affermazione di se stessi. Per lo svogliato Matsuki l’incontro con un accanito rivale e con una donna difficile da compiacere con qualche sorriso si rivelerà l’occasione per innescare la ricerca di un equilibrio personale, mentre la sua leggerezza metterà in discussione la sensibilità della donna e la granitica determinazione del ‘nemico’. I conflitti, le collisioni (“crash” in inglese) all’interno del trio metteranno in luce le rispettive debolezze e spingeranno ognuno dei protagonisti a fronteggiare i propri nodi irrisolti, a superare un passato di abbandono o di prevaricazione senza ricorrere alla finzione e a rimettere insieme la propria vita. Un racconto di maturazione e uno slice of life spietatamente sincero, un’opera interessante che con il suo tratto scarno e realistico mette in luce le qualità registiche di un’autrice sbocciata sulla scia dell’avanguardia degli anni ’80.

 

_________________________________________

This review is online since 18/12/2011, last up 25/01/2019. This is a no profit web site. All the images in this site are used to review and to promote shoujo manga in Italy. All the images are © of their respective artists and publishers, or other owners. Each review is copyright © of respective author. The comments reflect the personal opinions of the reviewers.  Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.Licenza Creative Commons