Amarsi, lasciarsi (Omoi, omoware, furi, furare) di Io Sakisaka

A cura di Emy (considerazioni) e Martina (testi e grafica)

Titolo originale: Omoi, omoware, furi, furare
Traduzione: Amare, essere amati – Respingere, essere respinti
Titolo italiano: Amarsi, lasciarsi
Autrice: SAKISAKA Io
Categoria: Shoujo

:: Il manga in Giappone ::
Numero di volumi: 12, concluso
Casa editrice: Shueisha
Rivista di serializzazione: Bessatsu Margaret
Collana: Margaret Comics
Inizio pubblicazione: 2015

:: Il manga in Italia ::
Casa editrice: Panini Comics
Distribuzione: edicola e fumetteria
Inizio pubblicazione: Luglio 2017
Periodicità: bimestrale
Prezzo: 4,50 euro

:: Curiosità ::
Questo titolo ha vinto lo Shougakukan Manga Award del 2018, categoria shoujo manga. Previsti per il 2020: un film animato e un film live diretto da Takahiro Miki.

Storia
Dall’autrice di Strobe Edge e Ao Haru Ride – A un passo da te, una storia corale con quattro protagonisti, tutti studenti al primo anno delle superiori.

C’è Yuna Ichihara, una ragazza che sogna un amore da favola (o meglio, da shoujo manga), e la più pragmatica Akari Yamamoto che ha già una relazione (anche se a distanza).

C’è Kazuomi Inui, il vicino di casa e amico d’infanzia di Yuna, un ragazzo solare che all’amore non sembra pensarci affatto, e il bellissimo Rio – il fratellastro di Akari – che praticamente accetta di stare con qualsiasi ragazza, basta che sia carina.

Agli occhi della timidissima Yuna, Rio appare come un principe, anche se in un primo momento lei nega di avere una cotta per lui. Ciò che non si immagina è che da molto tempo nel cuore di Rio c’è un’altra…

Considerazioni
La capacità di un artista, ci ricorda Orazio nell’Ars Poetica, può mutare “ciò che è noto in qualcosa di nuovo”.
In effetti, se isoliamo gli elementi narrativi, in “Amarsi, lasciarsi” in fondo non accade più di quello che abbiamo letto in centinaia di altri titoli: storie d’amore e di amicizia tra banchi di scuola, primi batticuori e primi timori, frasi dette per la prima volta e per questo preziose, il piccolo mondo dell’adolescenza, fatto di sogni, speranze e paure.
Per rinnovare questi elementi che tutto appaiono fuorché nuovi, bisogna lavorare innanzitutto sui personaggi. Le caratterizzazioni devono fare riferimento a tipi riconoscibili ma non banali, in modo da restituire vitalità a situazioni già note e conferire a esse credibilità anche presso il lettore smaliziato.
Da questo punto di vista, Sakisaka Io è una maestra: chi sceglierà “Amarsi, lasciarsi” si troverà di fronte a una buona occasione di intrattenimento, un insieme di leggerezza e profondità che rimane sempre entro i limiti del mainstream, quindi della tradizione. Anche i disegni sottolineano l’onestà del patto narrativo, rimarcando la bellezza e l’ingenuità dei personaggi i quali, pur essendo sostanzialmente dei gran bravi ragazzi, non sono esenti da difetti.
Chi cerca l’originalità e il genio preferirà altri titoli, ma difficilmente -presumo- qualcuno si accosterà alle opere di questa autrice cercando narrazione e grafica d’avanguardia.

 

__________________________________________________
Online since 03/09/2017, last up 22/02/2019. This is a no profit web site. All the images in this site are used to review and to promote shoujo manga in Italy. All the images are © of their respective artists and publishers, or other owners. Each review is copyright © of respective author. The comments reflect the personal opinions of the reviewers. Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.Licenza Creative Commons