Dead Friend’s Love Letter (Korosareru nara, Isso Sakura no Ki no Shita de) di Hina Sakurada


A cura di Emy

Titolo originale: Korosareru nara, Isso Sakura no Ki no Shita de
Autrice: SAKURADA Hina
Categoria: Shoujo

:: Il manga in Giappone ::
Numero di volumi: 1 volume -concluso
Casa editrice: Shougakukan
Rivista di serializzazione: Cheese
Anno di pubblicazione: 2011

:: Il manga in Italia ::
Titolo: Dead Friend’s Love Letter
Numero di volumi: 1 volume -concluso
Casa editrice: Panini Comics
Distribuzione: libreria e fumetteria
Prezzo: E 6.50
Pubblicato nel mese di: Marzo 2013

Storia
Un giorno la liceale Yukino viene risucchiata da una sequela di avvenimenti allucinanti: riceve un sms di una sua amica, Saho, che le dice semplicemente “scappa” e risulta irreperibile; arrivata a scuola, Yukino viene a sapere che la suddetta amica si è suicidata gettandosi dal tetto dell’edificio e che i suoi compagni la ritengono artefice del folle gesto, e se ne chiede -giustamente- il motivo; l’ex ragazzo della sua amica prematuramente scomparsa, Tatewaki, è l’unico che si offre di proteggerla; poco dopo il giovane le rivela il suo amore; aggiunge che il motivo per cui Saho si è suicidata è che lui l’aveva lasciata per Yukino, ragion per cui Saho aveva scritto su Twitter “Yukino è cattiva” prima di suicidarsi. Yukino non si dimostra capace di reagire e si limita a oscillare tra il dispiacere per l’amica morta, la debolezza di fronte agli atti semibullistici di una compagna (che poi si rivelerà essere stata innamorata di Saho) e i battiti del cuore sollecitati dal gentile e folle Tatewaki. Una tragica storia che preannuncia un tragico finale…

Considerazioni
Vuoto pneumatico. Queste due paroline si affacciano alla mente durante la fruizione del manga in questione.
Dopo aver letto i precedenti volumi autoconclusivi di Hina Sakurada, da questa autrice sarebbe stato lecito aspettarsi non un capolavoro, ma perlomeno un’opera che rientrasse nella media decenza narrativa. Così non è, e in questo Dead Friend’s Love Letter sfilano di fronte ai nostri occhi: la pretenziosità nel trattare argomenti delicati e di spessore da parte di chi evidentemente dimostrerebbe di avere migliori frecce al proprio arco nell’esibizione dello smut nudo e puro; personaggi-marionette in preda al delirio del nonsenso (tra cui primeggia una protagonista più incolore che mai); sequenzialità narrativa di dubbia efficacia; grafismi inutili alla ricerca non della chiarezza espositiva ma solo della posizione che possa essere più d’impatto possibile tra le milioni di opzioni valutabili. Anche dal punto di vista grafico, questo manga segna un punto involutivo nella produzione dell’autrice.
Cosa si salva in tanto sfacelo? Nulla, a parte la bella copertina e un paio di inside cover. E possiamo considerare estinto qualsiasi dubbio, qualora ne fosse rimasto alcuno, che la cover possa essere considerata spia del contenuto.

 

____________________________

Online since 03/03/2013, last up 06/06/2019. This is a no profit web site. All the images in this site are used to review and to promote shoujo manga in Italy. All the images are © of their respective artists and publishers, or other owners. Each review is copyright © of respective author. The comments reflect the personal opinions of the reviewers. Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.Licenza Creative Commons.