Scegli me! (Kekkon shiyouyo) di Wataru Mizukami

A cura di Nimue80 (testi) e Martina (info e grafica)

Titolo giapponese: Kekkon shiyouyo
Traduzione: Sposiamoci!
Titolo per l’Italia: Scegli me!
Autrice: MIZUKAMI Wataru
Categoria: Shoujo

:: Il manga in Giappone ::
Numero di tankoubon: 4, concluso
Anno di pubblicazione: 2003-2004
Casa editrice: Kodansha
Collana: KC Nakayoshi
Rivista di serializzazione: Nakayoshi

:: Il manga in Italia ::
Casa editrice: Playpress
Numero di volumi: 4, concluso
Prezzo: 3,90 euro (dal n. 3: 4 euro)
Inizio pubblicazione: Giugno 2006
Periodicità: mensile
Distribuzione: edicola e fumetteria

Storia
Toko Yoshimura è una studentessa di prima liceo che vive spensierata in un villaggio del Kyushu insieme alla madre e numerosi piccoli amici.
La ragazza è particolarmente affascinata dalla storia di suo nonno Eikichi, morto in un naufragio ormai da dodici anni (ma il cui corpo non è mai stato ritrovato): questi, figlio di un’importantissima famiglia di Tokyo, in gioventù amò una ragazza appartenente a una famiglia rivale, con la quale addirittura fuggì di casa. Toko sogna di innamorarsi con la stessa passione, al punto da scegliere di abbandonare tutto per la persona amata.
I suoi sogni romantici vengono infranti il giorno in cui le piomba in casa un’anziana donna: trattasi di Otome Rokuonji, membro di una ricchissima famiglia della capitale, nonché antica fiamma di suo nonno.

La vecchia signora, dopo aver ricevuto una lettera dall’apparentemente defunto Eikichi, vorrebbe che la giovane andasse a Tokyo con lei per fidanzarsi con suo nipote, come suggerito dalla missiva.
Toko è costretta a malincuore ad accettare la proposta, nonostante all’inizio sia decisamente contraria, infatti Otome minaccia di seppellire il suo amato villaggio sotto una diga in caso di rifiuto. La sua speranza segreta è un’ipotetica alleanza col “futuro sposo” volta a impedire questo fidanzamento forzato…

Grande è la sorpresa di Toko durante l’incontro ufficiale in casa Rokuonji: infatti Otome ha ben due nipoti maschi, i gemelli eterozigoti Kaze e Nagi!
In un primo momento la giovane rimane affascinata dai due ragazzi, che sono diversi tra loro, ma entrambi attraenti, poi torna in sé, ribadendo di non aver intenzione di fidanzarsi così a scatola chiusa, tanto più che la lettera è un falso, visto che suo nonno è morto ormai da molti anni.

Purtroppo per lei viene subito smentita dall’arrivo di un nuovo messaggio, contenente il primo di una serie di “comandamenti d’amore” ideati da Eikichi stesso: si tratta di azioni che i “promessi sposi” devono compiere alla lettera per fare in modo che tra loro sbocci un amore grande come quello che legava lui e Otome.

Peccato che Toko non intenda prestarsi al gioco, visto che l’ordine è “baciatevi!”; ci pensano però i suoi “fidanzati” che, sempre in competizione tra loro, la baciano senza farsi troppi problemi! Il giorno dopo, in concomitanza con l’arrivo del secondo comandamento,“abbracciatevi!”, Toko accetta di obbedire solo se Kaze e Nagi eseguiranno gli ordini col suo consenso. Otome è d’accordo con la condizione (lo scopo dei comandamenti è infatti quello di “far battere i cuori all’unisono”) e incita i nipoti a portare a termine il compito con sentimento: il vincitore, oltre a essere lo sposo di Toko sarà anche il direttore finanziario dell’impero Rokuonji! La ragazza invece pensa di essere al sicuro, perché non ha certamente intenzione di favorire l’esecuzione di nessun comandamento.

Una volta a scuola scopre con sorpresa che i gemelli sono tra i più corteggiati dell’intero istituto: Kaze è un vero e proprio intellettuale, mentre Nagi è il rubacuori di turno; lei invece riesce solo a conquistarsi l’invidia dell’intera popolazione femminile della scuola…

Durante la giornata entrambi riescono ad abbracciarla con l’inganno, ma Toko non è completamente contrariata, anzi, sente nascere dentro di sé un certo calore per i due ragazzi…

Contemporaneamente all’arrivo del terzo comandamento “condivisione del talamo”, e di un raffreddore di Nagi, Toko scopre qualcosa sull’infanzia dei fratelli Rokuonji: il padre, che è anche il capo della famiglia, è sempre occupato col lavoro, mentre la madre è morta quando loro erano piccoli.
Siccome Otome porta in vacanza tutto il personale di villa Rokuonji, Toko è costretta a occuparsi di Nagi, incitando anche Kaze a prendersi cura del suo unico fratello.

Dopo poco anche a Kaze sale la febbre: Toko lo obbliga a coricarsi col fratello per farsi curare da lei. Dopo essersi addormentata per la stanchezza, si risveglia nel letto in mezzo ai due ragazzi: senza farlo apposta anche il terzo comandamento è stato eseguito, mentre Toko è intimamente soddisfatta perché le sembra di aver incominciato a capire come i suoi “fidanzati” sono realmente.

In seguito Otome rapisce i tre da scuola e li porta in vacanza su un’ isola del sud di sua proprietà: Toko spera di godersi la vacanza, ma anche qui arriva un comandamento: questa volta gli aspiranti sposi devono tenersi per mano.
Per eseguire questa nuova impresa, Otome fa trasportare i tre su un’isola deserta: qui Toko si trova a suo agio, la vegetazione le ricorda il bosco del suo villaggio, mentre i due “signorini” si trovano in difficoltà. Tuttavia, grazie all’esempio della ragazza riescono addirittura a divertirsi e a procurarsi la cena. Quando si fa sera però è Toko a essere demoralizzata: teme che si siano dimenticati di loro.

Per tranquillizzarla Kaze e Nagi la prendono per mano, portando a termine il quarto comandamento. Allo stesso tempo Toko pensa che non le importa né di comandamenti, né di fidanzamenti: vuole solo conoscerli meglio, ora che stanno cominciando a fare breccia nel suo cuore.
Qualche giorno dopo arriva il quinto comandamento, il più impegnativo: chiedere la mano!
Toko stavolta è estremamente contrariata: il matrimonio è una cosa sacra e ricevere una proposta solo a causa di un’imposizione è per lei inaccettabile.

Per agevolare la riuscita del progetto Toko é indotta a uscire prima con uno poi con l’altro gemello. Il primo appuntamento è con Nagi, che, abituato com’è a frequentare il gentil sesso, riesce a far divertire anche un’inizialmente scontrosa Toko. Nel frattempo, a casa Rokuonji, Otome si rende conto che é Kaze a scrivere i comandamenti!

Quando Nagi le chiede di diventare sua moglie, la ragazza non sa che fare: è poi egli stesso ad ammettere che sta scherzando, non crede che sia giusto agire così, per sposarsi si dovrebbe volerlo in due.
Tornati a casa sentono Otome minacciare di cacciare Kaze che si è spacciato per Eikichi! Il ragazzo, allora, svela il motivo della falsificazione: ha ottenuto un soggiorno di studio all’estero, ma per poterlo fare deve lasciare casa e famiglia; perciò ha usato i ricordi della nonna, per far mettere insieme Nagi e Toko. La ragazza è delusa dal comportamento di Kaze e decide di tornarsene nel Kyushu, d’altra parte è dispiaciuta: aveva appena iniziato a conoscere i due gemelli…

Considerazioni
Scegli me! è l’opera con cui Wataru Mizukami, della scuderia di “Nakayoshi”, debutta in Italia. Arrivato probabilmente sulla scia di Nuts panic e Zodiac detective delle colleghe Haruka Fukushima e Natsumi Andou (editi sempre dalla Play press), non sembra discostarsi molto dall’attuale stile delle opere pubblicate sulla rivista della Kodansha dedicata alle lettrici più giovani.

Gli ingredienti per piacere a questo tipo di pubblico ci sono tutti: disegni accattivanti (che ricordano abbastanza quelli dei manga sopra citati), copertine dai colori allegri e trama in cui molte giovanissime possono ritrovarsi. Insomma, quale ragazzina non sogna di incontrare il grande amore e di sposarsi con l’abito bianco?

A una lettura più approfondita però la storia si riduce al classico triangolo amoroso, con i lettori che si chiedono: “chi sceglierà Toko alla fine?”. In particolare la rivalità fra i due gemelli sa di già visto: quando l’affetto per uno dei due sembra prevalere nel cuore della protagonista, ecco che l’altro fa qualcosa che riporta le cose a una situazione di stallo. Classico è poi che nel suo intimo la protagonista sia invaghita di entrambi e la scelta sia incerta fino alla fine.

La caratterizzazione del trio dei personaggi principali sa, un’altra volta, di già visto: ci sono Kaze, lo studente modello (porta gli occhiali) carino e impegnato e Nagi, il classico farfallone rubacuori idolo delle ragazzine; infine c’è Toko, ragazza carina, ma ingenua che, nonostante non sembri possedere qualità particolarmente appariscenti, riesce col tempo (neanche poi tanto in realtà) a far breccia nel cuore dei bei ragazzi di turno.
Tra parentesi, vorrei far notare la tipicità dei due rivali in amore anche considerandoli dal punto di vista grafico: Kaze è scuro di capelli, Nagi è chiaro, caratteristiche già riprese molte volte in manga dalla trama simile, usate forse per rendere più riconoscibili gli vertici maschili del triangolo amoroso.
Numerosi sono poi i momenti comici del manga, dovuti la gran parte delle volte alla nonna Otome, che già nell’aspetto super deformed e nel modo di fare è una macchietta, un personaggio “da ridere” e forse il più originale di tutta la storia.

In definitiva Scegli me! è un manga senza infamia né lode, gradevole da leggere sì, non certo un capolavoro, dedicato alle lettrici più giovani, magari non disdegnato anche da quelle un po’ più mature. È il classico fumetto “da ombrellone”, senza implicazioni intellettuali, ma adattissimo per un pomeriggio di relax (e forse non è un caso che la pubblicazione sia iniziata in estate, così come nello stesso periodo del 2005 è arrivato il suo “fratellino” Nuts Panic… Che sia una strategia commerciale estiva della Play press?).

 

____________________________________________

This page is online since 10/09/2006, last up last up 17/03/2020. This is a no profit web site. All the images in this site are used to review and to promote shoujo manga in Italy. All the images are © of their respective artists and publishers, or other owners. Each review is copyright © of respective author. The comments reflect the personal opinions of the reviewers. Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.Licenza Creative Commons.Licenza Creative Commons