Made in Japan di Autori Vari

MADE IN JAPAN

A cura di Spaced Jazz

Autore: autori vari
Edizione: Coconino Press
Prezzo: 16€
Formato: A4
Pagine: 250
Anno di pubblicazione: 2007

È uscito per Coconino Press Made in Japan, il volume antologico che raccoglie le storie brevi di 17 autori (metà francofoni e metà nipponici) riuniti nel progetto – datato 2005 – di cercare di descrivere il Giappone attraverso una visione personale: i disegnatori esteri furono infatti invitati per un periodo di soggiorno nelle diverse località soggetto dell’ambientazione, che per gli autori giapponesi era direttamente la città o il paese d’origine.
Progetto mosso da Frederic Boilet e appoggiato da istituzioni francesi (quindi nato sin dall’inizio con l’impaginazione occidentale per ovvia coerenza nella lettura), presenta sedici storie brevi accomunate dal tema ma assai differenti nella forma stilistica.
Si spazia infatti da una struttura manga (comunque sempre definibile d’ “autore”, nel senso di raffinatezza e/o personalità stilistica alternativa) per finire a strutture più aperte e libere, ad altre tipicamente occidentali, fino a dei veri e propri racconti illustrati.

Dopo la malinconica e graficamente eccellente storia introduttiva della giovane Kan Takahama, si passa a un bozzetto tipico di Taniguchi come “Cielo d’estate”, ambientato nel 1953; poi a un lavoro di Aurelia Aurita sorprendentemente fresco, leggero e divertente; alle 6 pagine di una concisa Moyoco Anno, fino a… calzature protagoniste della favola di Taro Urashima (per David Preudhomme) e a curiosi scarafaggi mutanti, simbolo futuristico della città di Osaka.
Si prosegue bene: innanzi tutto Joann Sfar, con una storia *spettacolare* su di un francese residente a Tokyo che presenta i giapponesi dalla sua ottica… battute fulminanti e irriverenti su usi e costumi (scorrettissima quella sugli shonen-ai!); molto bella anche quella di Fabrice Neaud, con il suo soggiorno metropolitano venato di disincanto e riflessioni personali. Lieve, agrodolce e poetica la storia finale di Etienne Davodeau, in mezzo un onirico Daisuke Igarashi (“Whitches”) e uno spirituale Kazuichi Hanawa, l’autore di “In prigione”.

Essenzialmente è tutto materiale di buon livello: infatti anche le (poche) cose che convincono meno (vedi l’insetto di Osaka) lasciano delle impressioni positive nel lettore per l’originalità e l’ottica da cui sono riprese…
Questi sono infatti i maggiori pregi di una simile opera: da un lato la commistione stilistica porta questa fusione fra oriente e occidente a esaltare il fumetto come medium artistico contemporaneo, dall’altro si dimostra una visione originalissima e multiculturale del paese del Sol Levante.

L’edizione Coconino è di pregio, volume in b/n sulle 250 pagine di grande formato (A4) con sovraccoperta, molto ben stampato e rilegato, il prezzo di 16 Euro è abbastanza ben rapportato alla qualità e al target del prodotto.
Insomma: un acquisto imprescindibile!

 

__________________________________________________
Online since 09/09/2011, last up 07/07/2020. This is a no profit web site. All the images in this site are used to review and to promote shoujo manga in Italy. All the images are © of their respective artists and publishers, or other owners. Each review is copyright © of respective author. The comments reflect the personal opinions of the reviewers. Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale. Licenza Creative Commons.Licenza Creative Commons