Recensione Manga – Caro, chibi è scomparsa (Otou-san, Chibi ga Inakunarimashita) di Keiko Nishi

CarochibilogoA cura di Emy

Titolo originale: Otou-san, Chibi ga Inakunarimashita
Autrice: NISHI Keiko
Categoria: Josei

chibicoverita:: Il manga in Giappone ::
Casa Editrice: Shougakukan
Numero di volumi: 1, completo
Prima pubblicazione: 2013
Serializzato sulla rivista giapponese: Flowers

:: Il manga in Italia ::
Titolo per l’Italia: Caro, Chibi è scomparsa
Casa editrice: Dynit
Numero di volumi: 1, completo
Prezzo: 17.90 E
Collana: Showcase
Pubblicato nel mese di: Marzo 2021.

Storia
storiachibiGli anziani Masaru e Yukiko sono una coppia che perpetua i riti e le consuetudini di una vita trascorsa insieme. Yukiko è la perfetta donna di casa, la cui principale occupazione è preservare l’armonia domestica facendo la spesa, preparando da mangiare e occupandosi di tutte le incombenze relative alla magione. Sembra che questi obblighi non le pesino e l’anziana donna cerca di mantenere vivo il rapporto conversando con il marito: è il minimo che ci si aspetterebbe nell’ultima fase della vita, però Masaru è un vecchio misantropo che si esprime a monosillabi e solo quando è necessario. Yukiko non se la prende, in fondo lui è sempre stato così, anche da giovane. Eppure qualcosa lentamente cambia: il marito comincia a fare tardi e Chibi, la gatta nera che è l’unica a condividere le giornate della coppia, un giorno non torna più a casa. Il precario equilibrio domestico è messo in crisi da questi avvenimenti che fanno emergere una situazione irrisolta ormai da decenni…

Considerazioni
consichibiDopo Shiro, una vita insieme a un gatto, Keiko Nishi torna a raccontare la famiglia, focalizzando la narrazione sulla vita di coppia. Cosa succede, quando i figli sono cresciuti e vivono lontano dai genitori, quando alla fine della vita si fa il punto e i conti non tornano, quando la necessità di comunicare si fa stringente e viene a galla un’incomprensione profonda e forse insanabile? 
La lettura scorre piacevolmente ritmata dalla linea chiara del tratto, dalla composizione grafica funzionale, dai dialoghi sapienti. L’autrice in Shiro, una vita insieme a un gatto, precedente lavoro edito nella collana Showcase, aveva utilizzato la struttura a episodi con continuity ma adesso la abbandona per adottare invece quella del classico romanzo di formazione. In entrambi i casi il risultato è efficace e la fruizione gratifica il lettore: è estremamente rilassante entrare in queste case giapponesi alla periferia di Tokyo, in cui le vite trascorrono riscaldate dal calore della famiglia e dalle carezze feline dei pelosetti, esistenze che riscoprono e reinventano il senso dello stare insieme, del condividere la strada. A leggere questi volumi si esce dalla quotidianità per immergersi in una quotidianità altra, simile eppure diversa, che pure ci appartiene. È bello riconoscersi nei personaggi della Nishi, per cui consiglio questo volume (autoconclusivo, così come Shiro, una vita insieme a un gatto) a chi è in cerca di uno slice of life rilassante, accogliente. Per chi ha voglia di tornare a casa e accarezzare un gatto!

Gallery

__________________________________________________
Online since 17/07/2020, last up 11/04/2021. This is a no profit web site. All the images in this site are used to review and to promote shoujo manga in Italy. All the images are © of their respective artists and publishers, or other owners. Each review is copyright © of respective author. The comments reflect the personal opinions of the reviewers. Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale. Licenza Creative Commons.Licenza Creative Commons