Award

A cura di Martina

Tutti gli shoujo e josei manga premiati ufficialmente in Giappone, dagli anni Settanta al 2018!

 

Kodansha Manga Award

Dal 1977 il Kodansha Manga Award (in giapponese: Kodansha Mangashou) viene assegnato ogni anno dalla più grande casa editrice giapponese ai manga realizzati nel corso dell’anno passato. All’inizio esistevano solo due categorie (shounen e shoujo), successivamente è stata aggiunta la categoria generica (nel 1982) e quella per i manga rivolti ai lettori più piccoli (nel 2003).

Anni 70 


1977 (1°)
Parimerito:
Haikara-san ga tooru (Una ragazza alla moda) di Waki Yamato (Shojo Friend)
Candy Candy di Yumiko Igarashi e Kyoko Mizuki (Nakayoshi)

1978 (2°)
Seito shokun! di Youko Shouji (Shojo Friend)

1979 (3°)
Wata no kunihoshi di Yumiko Ooshima (Hana to yume)

Anni 80

1980 (4°)
Lemon hakusho di Mayumi Yoshida (Gekkan mimi)

1981 (5°)
Ohayou! Spank (Hello Spank!) di Shizue Takanashi e Shun’ichi Yukimuro (Nakayoshi)

1982 (6°)
Yokihi-den di Suzue Miuchi (Nakayoshi)
Karyuudo no seiza di Machiko Satonaka (Young lady) [Categoria generale]

1983 (7°)
Hi izuru tokoro no tenshi di Ryoko Yamagishi (Gekkan LaLa)

1984 (8°)
Lady Love di Hiromu Ono (Bessatsu Shoujo Friend)

1986 (10°)
Yuukan Club di Yukari Ichijo (Ribon)

1987 (11°)
Nana iro Magic di Yuu Asagiri (Nakayoshi)

1988 (12°)
Junjo Crazy Fruits di Akemi Matsunae (Bouquet)

1989 (13°)
Parimerito:
Chibi Maruko-chan di Momoko Sakura (Ribon)
Shiratori Reiko de gozaimasu di Yumiko Suzuki (Gekkan mimi)

Anni 90

1990 (14°)
Pride di Naka Marimura

1991 (15°)
Eien no nohara di Mieko Oosaka (Bouquet)
Waru di Jun Fukami (Be Love) [Categoria generale, a parimerito con Kachou Shima Kousaku]

1992 (16°)
Uchi no mama ga iu koto ni wa di Mariko Iwadate (Young You)ù

1993 (17°)
Sailor Moon di Naoko Takeuchi (Nakayoshi)

1994 (18°)
Kimi no te ga sasayaite iru di Junko Karube (Mimi)

1995 (19°)
Sekai de ichiban yasashii ongaku di Mari Ozawa (Kiss)

1996 (20°)
Tennen kokekko di Fusako Kuramochi (Young You)

1997 (21°)
Yakumo tatsu di Natsumi Itsuki (Hana to yume)

1998 (22°)
Kodomo no omocha di Miho Obana (Ribon)

1999 (23°)
Peach Girl di Miwa Ueda (BetsuFure)

2000-2009

2000-2009 (24°)
Guru Guru Pon-chan di Satomi Ikezawa (BetsuFure)

2001 (25°)
Fruits Basket di Natsuki Takaya (Hana to yume)

2002 (26°)
Antique Bakery -Seiyou kotto yogashiten di Fumi Yoshinaga (Wings)

2003 (27°)
Mirumo de pon! (Mirmo) di Hiromu Shinozuka (Ciao) [categoria bambini]

  Parimerito:
Honey and Clover di Chika Umino (Young You)
Kimi wa Pet (Sei il mio cucciolo) di Yayoi Ogawa (Kiss)

2004 (28°)
Nodame Cantabile di Tomoko Ninomiya (Kiss)

2005 (29°)
Sugar Sugar Rune di Moyoko Anno (Nakayoshi) [categoria bambini]


Parimerito:
Koibumi biyori (A perfect Day for Love Letters) di George Asakura (BetsuFure)
Oi piitan!! di Risa Ito (Kiss)

2006 (30°)
Kitchen no ohimesama di Miyuki Kobayashi (storia) Natsumi Andou (disegni) (Nakayoshi) [categoria bambini]
Life di Keiko Suenobu (Betsufure)

2007 (31°)
IS di Chiyo Rokuhana (Kiss)

2008 (32°)
Shugo Chara di Peach-Pit (Nakayoshi) [categoria bambini]
Kimi ni todoke (Arrivare a te) di Karuho Shiina (Betsuma)

2009 (33°)
Kiyoku yawaku di Ryou Ikuemi (Cookie)

2010-2019

2010 (34°)
Kurage hime di Akiko Higashimura (Kiss)

2011 (35°)
Chihayafuru di Yuki Suetsugu (BE Love)

2012 (36°)
Watashi ni xx shinasai! di Ema Toyama [categoria bambini]
Shitsuren Chocolatier di Setona Mizushiro

2013 (37°)
Ore Monogatari!! di Kazune Kawahara e Aruko

2014 (38°)
Taiyou no ie di Ta’amo (Dessert)
Shouwa genroku rakugo shinjuu di Haruko Kumota (ITAN) [categoria generale]

2015 (39°)

Nigeru wa haji da ga yaku ni tatsu di Tsunami Umino (Kiss)
Mikuri Moriyama è una ragazza single di 25 anni con una laurea in psicologia e sogni ambiziosi per il futuro, ma attualmente disoccupata. Sue padre le trova un lavoro come domestica a casa di Hiramasa Tsuzaki, impiegato di 36 anni dal carattere pacato e introverso. Una serie di circostanze porta i due a un matrimonio di convenienza che (in teoria) dovrà limitarsi solo alle apparenze…

2016 (40°)

Watashi ga motete dousunda (Kiss Him, Not Me) di Junko (Betsufure)
Kae Serinuma è una liceale sovrappeso che ama fantasticare sulle relazioni tra maschi (la classica fujoshi) e dimagrisce bruscamente in seguito allo shock per la morte del suo personaggio anime preferito. La nuova Kae in versione slim attira subito le attenzioni dei ragazzi più belli della scuola… ma lei preferirebbe vederli accoppiarsi tra loro!

2017 (41°)

P to JK (Police & Joshi Kousei) di Maki Miyoshi (Betsufure)
Kako Motoya è una liceale dal carattere semplice e puro che assieme a una compagna di scuola partecipa a un appuntamento al buio di gruppo tra maggiorenni, mentendo sulla propria età. Lì conosce un giovane di 23 anni, Kouta Sagano, ma al termine della serata si tradisce da sola, facendogli capire che lei di anni ne ha 16 e non 22. Il giorno dopo Kako si imbatte in lui per caso e scopre che il bel Kouta è un poliziotto… Quella che sembra una cotta a senso unico diventerà in breve tempo una relazione seria, anzi serissima, visto che lui la chiederà in sposa!

2018 (42°)

Sanju Mariko di OZAWA Yuki (Be Love)
Toumei na Yurikago, di Bakka Okita (Hatsu Kiss)

2019 (43°)

Perfect World, di Rie Aruga

 

Shougakukan Manga Award

Il più antico premio giapponese dedicato ai manga è stato creato nel 1955 da Shougakukan, una delle più grandi case editrici giapponesi, che assieme a Shueisha e Hakusensha appartiene al gruppo editoriale Hitotsubashi. Come nel caso del Kodansha Manga Award, vengono premiati anche i manga editi da altri editori. Al momento della creazione, il premio prevedeva una categoria unica che nel 1975 è stata suddivisa in shounen/shoujo e seinen. Nel 1981 è stata introdotta la categoria bambini, e nel 1983 è stata divisa a sua volta la categoria shounen/shoujo. Nel 2003 la categoria seinen è stata rinominata in “categoria generica”.

1960 (5°)
Bonkochan (Ribon) e Fuichinsan (Shoujo Club) di Toshiko Ueda

1970 (15°)
Fire! di Hideko Mizuno (Seventeen)

1971 (16°)
Garasu no shiro di Masako Watanabe (Margaret)

1976 (21*) (Premio diviso in 2 categorie: giovanile e adulta)
Poe no ichizoku (Edgar e Allan Poe) (ShoComi) e 11 nin iru! (Siamo in 11!) (Betsucomi) di Moto Hagio [Categoria giovanile]

Anni 80

1980 (25°)
Kaze to ki no uta di Keiko Takemiya (Shojo Comic = ShoComi) [Categoria giovanile]

1984 (29°) (Creata la categoria femminile)
Kisshou tennyo (BetsuComi) e Kawa yori mo nagaku yuruyaka ni (Petit Flower) di Akimi Yoshida

1985 (30°)
Yume no ishibumi di Toshie Kihara (Petit Flower)

1986 (31°)
Zenryaku, Milk House di Yumiko Kawahara (BetsuComi)

1987 (32°)
Yami no purple eye di Chie Shinohara (BetsuComi)

1988 (33°)
Boyfriend di Fuyumi Souryo (ShoComi)

1989 (34°)
Fancy dance di Reiko Okano (Petit Flower)
Genji monogatari di Miyako Maki (For Lady) [categoria generale]

Anni 90

1990 (35°)
Papa told me di Nanae Haruno (Young You)

1991 (36°)
Parimerito:
Ouke no monshou di Chieko Hosokawa (Princess)
Hajimechan ga ichiban! di Taeko Watanabe (BetsuComi)

1992 (37°)
Makoto Call! di Kazuko Fujita (ShojoComi)

1993 (38°)
Basara di Yumi Tamura (BetsuComi)

1994 (39°)
One More Jump di Michiyo Akaishi (Ciao) [categoria bambini]
Bara no tame ni di Akemi Yoshimura (Petit Comic)

1995 (40°)
Akachan to boku (Baby and I) di Marimo Ragawa (Hana to yume)

1996 (41°)
Kocchimuite! Miiko di Eriko Ono (Ciao) [categoria bambini]
Hana yori dango di Youko Kamio (Margaret)

1997 (42°)
Kanon di Chiho Saitou (Petit Comic)

1998 (43°)
Ayashi no Ceres di Yuu Watase (ShoComi)

1999 (44°)
Angel Lip di Kiyoko Arai (Ciao) [categoria bambini]

2000-2009

2000 (45°)
Bara iro no ashita di Ryou Ikuemi (Margaret)

2001 (46°)
Sora wa akai kawa no hotori (Anatolia Story) di Chie Shinohara (ShoComi)

2002 (47°)
Pukupuku tennen kairanban di Sayuri Tatsuyama (Ciao) [categoria bambini]
Parimerito:
Kaguya hime (La principessa splendente) di Reiko Shimizu (LaLa)
Yasha di Akimi Yoshida (BetsuComi)

2003 (48°)
Parimerito:
Nana di Ai Yazawa (Cookie)
Kaze hikaru di Taeko Watanabe (BetsuComi)

2004 (49°)
Mirumo de pon! (Mirmo) di Hiromu Shinozuka (Ciao)[categoria bambini]
Love*Con di Aya Nakahara (Betsuma)

2005 (50°)
Parimerito:
Sunadokei (La clessidra) di Hinako Ashihara (BetsuComi)
Bokura ga ita di Yuuki Obata (BetsuComi)

2006 (51°)
Animal Yokochou di Ryo Maekawa (Ribon)[categoria bambini]
Sonnan janee yo (Ma quando mai?) di Kaneyoshi Izumi (Betsucomi)

2007 (52°)
Kirarin Revolution (Kilari) di An Nakahara (Ciao) [categoria bambini]
7SEEDS di Yumi Tamura (Flowers)

2008 (53°)
Boku no hatsukoi wo kimi ni sasagu (Il mio primo amore per te) di Aoki Kotomi (Shocomi)

2009 (54°)
Naisho no tsubomi di Yuu Yabuuchi (Ciao)[categoria bambini]
Black Bird di Kanoko Sakurakoji (Betsucomi)

2010-2019

2010 (55°)
Machi de uwasa no tengu no ko di Nao Iwamoto (Flowers)

2011 (56°)
Yumeiro Pâtissière di Natsumi Matsumoto (Ribon) [categoria bambini]
Ooku (Le stanze proibite) di Fumi Yoshinaga (Melody)

2012 (57°)
Sakamichi no Apollon (Jammin’ Apollon) di Yuki Kodama [General Award]
Pin to kona (Il sentiero dei fiori) di Ako Shimaki

2013 (58°)
Piece di Hinako Ashihara

2014 (59°)
Kanojo wa uso wo aishisugiteru (Bugie d’amore) di Kotomi Aoki
Zekkyyou gakkyuu di Emi Ishikawa [categoria bambini]

2015 (60°)

Joou no hana (Il fiore millenario) di Kaneyoshi Izumi (Betsucomi)

2016 (61°)

Ore Monogatari!! di Kazune Kawahara e Aruko


L’inusuale protagonista di questo shoujo è Takeo Goda, un ragazzo alto due metri, muscoloso, con labbroni enormi e sopracciglia altrettanto vistose. Tutti ne sono inevitabilmente intimoriti, ma il povero Takeo ha un cuore d’oro e il suo amico d’infanzia – l’affascinante Makoto Sunakawa – lo sa bene. Un giorno, Takeo salva una coetanea da un molestatore sul treno: è la bella Rinko, studentessa di un liceo femminile che ben presto si innamora del suo robusto salvatore…

Umimachi Diary di Akimi Yoshida [General Award – ex aequo con “Sunny” di Taiyo Matsumoto]

2017 (62°)
37.5°C no namida di Chika Shiina
Momoko Sugisaki ha da poco iniziato a lavorare presso la Little Snow, un’agenzia a cui si rivolgono i genitori di bambini in età prescolare quando i figli hanno qualche linea di febbre e a casa non c’è nessuno che possa assisterli. La giovane non ha una personalità particolarmente solare o espansiva, ma fa sempre del suo meglio per portare il sorriso sul volto dei bambini che si trova ad accudire…

Ijime di Kaoru Igarashi [Children Award]
Uno shoujo per bambine disegnato nello stile tipico della rivista “Ciao” di Shougakukan, riconoscibile dagli occhioni estremamente sproporzionati. Ogni volume raccoglie diverse storie brevi in cui le protagoniste si trovano a subire episodi di bullismo fra le mura di scuola.

2018 (63°)

PriPri Chi-chan!! di Hiromu Shinozuka [Children Award]
Omoi, Omoware, Furi, Furare, di Io Sakisaka

2019 (64°)

12-Sai. di Nao Maita [Children Award]
Suteki na Kareshi di Kazune Kawahara

 

Tezuka Osamu Bunkashou (Cultural Prize)

Sponsorizzato dal quotidiano giapponese Asahi Shinbun, il Tezuka Osamu Cultural Prize è stato fondato nel 1997 per promuovere la cultura del fumetto giapponese, in onore del padre dei manga Osamu Tezuka (1928-1989).

1997 (1°)
Zankokuna kami ga shihai suru di Moto Hagio (Excellence Award)

2001 (5°)
Onmyoji di Reiko Okano (disegni) e Baku Yumemakura (storia) [Grand Prize]

2004 (8°)
Helter Skelter di Kyoko Okazaki [Grand Prize]

2006 (10°)
Oi piitan!! di Risa Ito [Short Story Prize]

2007 (11°)
Maihime Terpsichore di Ryouko Yamagishi [Grand Prize]

2008 (12°)
GuuGuu datte neko dearu di Yumiko Ooshima [Short Story Prize]

2009 (13°)
Ooku di Fumi Yoshinaga [Grand Prize]

2017 (21°)

Hana no somu di Fusako Kuramochi (Cocohana) [Grand Prize]

Spin-off della serie “Eki kara gofun”, “Hana ni somu” si incentra su due amici d’infanzia che si ritrovano alcuni anni dopo un tragico incidente: Kano – studentessa al primo anno di università – e Haruto, più giovane di lei di un anno, rimasto orfano in seguito a un terribile incendio divampato nel santuario shintoista presieduto dal padre. Kano ha da poco ripreso a praticare il tiro con l’arco giapponese, a cui si era appassionata dopo essere rimasta colpita dal talento di Haruto. Sarà proprio tramite questo sport che i due troveranno l’occasione per riavvicinarsi e superare le dolorose ferite del passato…

Shouwa genroku rakugo shinjuu di Haruko Kumota (ITAN) [Originality Prize]
Josei decisamente fuori dagli schemi, “Rakugo shinjuu” racconta di Yotaro, un giovane ex-delinquente appena uscito di prigione che si rivolge a un famoso maestro di rakugo, un antico genere teatrale giapponese caratterizzato dalla brevità e dall’umorismo delle storie, raccontate da un singolo narratore. Yotaro non desidera altro che apprendere l’arte del rakugo da quando durante la detenzione ha assistito a uno spettacolo del maestro. L’attempato Yurakutei Yakumo, noto per non accettare allievi, accoglie inaspettatamente la sua richiesta… Un bestseller pluripremiato che pesca a piene mani dalla tradizione giapponese, trasposto anche in una serie animata per la TV (acquisita per l’Italia da Dynit).

 

ALTRI AWARD

 

Manga Taisho

2009 (2°)
Chihayafuru di Yuki Suetsugu

2013 (6°)
Umimachi Diary di Akimi Yoshida

2015 (8°)
Kakukaku shikajika di Akiko Higashimura

Un’opera in parte autobiografica che racconta la storia di Akiko Hayashi, studentessa del terzo anno delle superiori che sogna di diventare una mangaka. Edito in Italia da JPop col titolo “Disegna!”

 

Japan Media Arts Festival (Manga Division)

2000 (4°)
Massugu ni ikou di Kira (Excellence Prize)
2003 (7°)
Helter Skelter di Kyoko Okazaki (Excellence Prize)

2004 (8°)
Hikari to tomoni di Keiko Tobe (Excellence Prize)

2006 (10°)
Hyakki yakou sho di Ima Ichiko (Excellence Prize)
Ooku di Fumi Yoshinaga (Excellence Prize)

2007 (11°)
Umimachi Diary di Akimi Yoshida (Excellence Prize)
Pride di Yukari Ichijou (Excellence Prize)

2008 (12°)
Real Clothes di Satoru Makimura

2011 (15°)
HIMITSU THE TOP SECRET di Reiko Shimizu (Excellence Award)

2012 (16°)
Sennen mannen ringo no ko di Ai Tanaka (New Face Award)

2013 (17°)
Shouwa genroku rakugo shinjuu di Haruko Kumota (Excellence Award)

2014 (18°)
Dobugawa di Aoi Ikebe (New Face Award)

2015 (19°)
Kakukaku shikajika di Akiko Higashimura

 

The Japan Cartoonists Association Awards

2014 (43°)
Asari-chan di Mayumi Muroyama (Grand Award)
2012 (41°)
Keiko Takemiya (Ministry of Education Award)
2011 (40°)
Moto Hagio (Ministry of Education Award)
2010 (39°)
Hideko Mizuno (Ministry of Education Award)
2008 (37°)
Alfheim no kishi di Seika Nakayama (Excellence Prize)
2006 (35°)
Machiko Satonaka (Ministry of Education Award)
2002 (31°)
Watanabe Masako (Ministry of Education Award)
1999 (28°)
Patalliro! di Mineo Maya (Excellence Prize)
1996 (25°)
Otoko wa hiryou Onna wa appare di Yoshimi Numajiri (Excellence Prize)
1995 (24°)
Glass no kamen di Suzue Miuchi (Excellence Prize)
1994 (23°)
Hi no ryousen di Kayono Saeki (Excellence Prize)
1993 (22°)
Yami no hate kara di Mutsumi Tsukumo (Excellence Prize)
1992 (21°)
Aratanaru mono dangai di Masako Sone (Excellence Prize)
1991 (20°)
Alcazar – Oujou di Yasuko Aoike (Excellence Prize)
1990 (19°)
Okame wa chimoku di Sasaya Nanae (Excellence Prize)
1989 (18°)
Eiko Hanamura (Excellence Prize)
1987 (16°)
Sei 14 Graffiti di Taeko Watanabe (Excellence Prize)
1982 (11°)
Zettai anzen kamisori di Fumiko Takano (Excellence Prize)
1980 (9°)
Orpheus no mado di Riyoko Ikeda (Excellence Prize)
1976 (5°)
Irodori no koro di Mutsumi Tsukumo (Excellence Prize)
1975 (4°)
Tsuru hime jaa di Yoshiko Tsuchida (Excellence Prize)
1974 (3°)
Ano musume wa daare di Kazuko Makino (Excellence Prize)
1973 (2°)
Mimosakan de tsukamaete di Yumiko Ooshima (Excellence Prize)

 

Seiun Shou (Comic)

1980 (11°)
Star Red di Moto Hagio

1981 (12°)
Densetsu di Wakako Mizuki

1985 (16°)
X + Y di Moto Hagio

1990 (21°)
So What? di Megumi Wakatsuki

1993 (24°)
OZ di Natsumi Itsuki

1994 (25°)
Grand Leauvas Densetsu di Kyouko Shitou

2000 (31°)
Itiharsa di Wakako Mizuki

2001 (32°)
CardCaptor Sakura delle CLAMP

2004 (35°)
Kanata Kara di Kyouko Hikawa

2005 (36°)
Bremen II di Izumi Kawahara

2006 (37°)
Onmyoji di Reiko Okano e Baku Yumemakura

Nihon SF Taisho Award

2006 (27°)
Barbara ikai di Moto Hagio

 

________________________________________________
Online since 10/05/2000, last up 22/02/2019. This is a no profit web site. All the images in this site are used to review and to promote shoujo manga in Italy. All the images are © of their respective artists and publishers, or other owners. Each review is copyright © of respective author. The comments reflect the personal opinions of the reviewers. Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale. Licenza Creative Commons

L’immagine usata per il logo di Awards è “Kurage hime” © Akiko Higashimura.